Esonero contributi INPS agricoltura e pesca: cosa prevede il decreto Ristori bis

Esonero contributi INPS agricoltura e pesca: il testo del decreto Ristori bis, pubblicato in Gazzetta ufficiale, estende al mese di dicembre 2020 la misura prevista per novembre dal primo decreto Ristori.

👉 Con il Quinto su misura per professori e dipendenti pubblici riparti con slancio

Esonero contributi INPS agricoltura e pesca: il testo definitivo del decreto Ristori bis estende al mese di dicembre quanto previsto dal primo decreto Ristori per il mese di novembre.

A prevederlo è l’articolo 21 del DL 149 del 9 novembre 2020, in vigore dalla stessa data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

codici ATECO delle attività interessata dalla nuova misura sono contenuti nell’allegato 3.

Dalle coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi alla pesca e acquacoltura: tutte le attività comprese nell’esonero dei contributi per il mese di dicembre 2020.

Esonero contributi INPS agricoltura e pesca: le attività comprese dal decreto Ristori bis

Il decreto Ristori bis, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 novembre 2020 ed in vigore dalla stessa data, prevede l’esonero dei contributi “a favore delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura” per il mese di dicembre 2020.

La nuova misura del Governo estende quanto previsto in precedenza per il mese di novembre dal primo decreto Ristori.

Per contenere gli effetti economici negativi causati dall’emergenza coronavirus, per le aziende che appartengono a tali filiere, comprese le aziende produttrici di vino e birra, veniva già disposto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali da parte dei datori di lavoro.

Con il nuovo decreto Ristori bis la misura è prorogata per il mese di dicembre.

Il comma 2 dell’articolo 21 del DL 149 del 2020 stabilisce che l’esonero è riconosciuto nel rispetto della disciplina dell’Unione europea in materia di aiuti di Stato.

A stabilire quali sono le attività che possono beneficiare dell’agevolazione dell’ultimo intervento dell’Esecutivo è l’allegato 3 dello stesso decreto.

Dalle coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi alla pesca e acquacoltura, la tabella riassuntiva riporta i codici ATECO relativi alle attività comprese nell’elenco di tale allegato.

👉 Ti piacerebbe risparmiare sulla tua polizza auto?
👉 Molti clienti con noi 
hanno risparmiato FINO a 500 EURO
👉 Richiedici un preventivo GRATUITO e senza impegni

Codice AtecoAttività
01.xx.xxColtivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi
02.xx.xxSilvicoltura e utilizzo di aree forestali
03.xx.xxPesca e acquacoltura
11.02.10Produzione di vini da tavola e v.q.p.r.d.
11.02.20Produzione di vino spumante e altri vini speciali
11.05.00Produzione di birra
46.21.22Commercio all’ingrosso di sementi e alimenti per il bestiame (mangimi), piante officinali, semi oleosi, patate da semina
46.22.00Commercio all’ingrosso di fiori e piante
47.76.10Commercio al dettaglio di fiori e piante
47.89.01Commercio al dettaglio ambulante di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti
55.20.52Attività di alloggio connesse alle aziende agricole
56.10.12Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole
81.30.00Cura e manutenzione del paesaggio inclusi parchi giardini e aiuole
82.99.30Servizi di gestione di pubblici mercati e pese pubbliche

La valutazione delle spese è contenuta nel comma 4 dell’articolo 21:

  • 112,2 milioni di euro per l’anno 2020;
  • 226,8 milioni di euro per l’anno 2021:

Il testo stabilisce che: “si provvede, per 12,2 milioni di euro per l’anno 2020 e 226,8 milioni di euro per l’anno 2021, ai sensi dell’articolo 31 e per 100 milioni di euro per l’anno 2020, mediante utilizzo delle risorse rivenienti dall’abrogazione della disposizione di cui al comma 3.”

Decreto Ristori: l’esonero dei contributi INPS per le filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura per il mese di novembre

A prevedere l’esonero dei contributi INPS per il mese di novembre 2020 era già stato l’articolo 16 del primo decreto Ristori.

Anche tale disposizione si rivolge alle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura.

La misura prorogata di un mese non esonera tuttavia dai premi e dai contributi INAIL, che devono comunque essere corrisposti.

Nella parte finale del comma 1 dell’articolo 16 viene inoltre stabilito che: “L’esonero è riconosciuto nei limiti della contribuzione dovuta al netto di altre agevolazioni o riduzioni delle aliquote di finanziamento della previdenza obbligatoria, previsti dalla normativa vigente e spettanti nel periodo di riferimento dell’esonero.”

Resta dunque ferma l’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche, e viene riconfermato l’esonero per le categorie indicate dai rispettivi codici ATECO. (fonte:informazionefiscale.it)

Contattaci per una consulenza gratuita

Per informazioni o preventivi compila il Form e ti ricontatteremo al più presto.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.